Avviso

Nasce una rete "multisensoriale" tra le scuole.

L'Istituto Comprensivo "Alessio Narbone" di Caltagirone lancia un'iniziativa nazionale: costruire una rete di scuole tra le scuole che hanno realizzato un ambiente multisensoriale Snoezelen. Se nella tua scuola hai un ambiente Snoezelen clicca il link che trovi sulla locandina.

Snoezelen: questo è il nome olandese dell’”ambiente” realizzato presso la Narbone di Caltagirone; un nome che esprime un approccio olistico che si attua all’interno di uno spazio multisensoriale e che ha come riferimento teorico il Gentle Teaching.

A distanza di cinque anni dalla sua inaugurazione, avvenuta il 9 maggio del 2016, l’ambiente multisensoriale Snoezelen è divenuto un centro di aggregazione, di confronto e di progettazione tra docenti dell’Ambito 8 per la Sicilia – Calatino Sud Simeto. Un ambiente in cui, attraverso l’utilizzo della “dieta sensoriale”, l’alunno sperimenta le proprie potenzialità e vive momenti di dialogo autentico con sé stesso.

“Consegnare agli alunni un luogo creativogeno, immersivo, in cui esprimersi liberamente senza il timore della valutazione”: questa è stata la proposta lanciata dal Dirigente scolastico dell’I.C. “Alessio Narbone di Caltagirone, prof. Francesco Pignataro, quando ha deciso di realizzare uno spazio multisensoriale Snoezelen.

 

Estesa a tutte le scuole di ogni ordine e grado dell’ambito, questa esperienza di incontro, condivisione e collaborazione tra docenti di scuole e paesi diversi ha creato un circolo virtuoso volto alla creazione di benessere per gli alunni e di crescita umana e professionale per i docenti. Da qui, la nascita di altre stanze, realizzate nello stesso ambito territoriale presso diverse istituzioni scolastiche: l’I.C. “Piero Gobetti” di Caltagirone, la Direzione Didattica 2° Circolo Niscemi (unica istituzione appartenente ad altra provincia), l’I.C “Ottavio Gravina De Cruyllas“ di Ramacca e l’I.C. “Galilei-Mazzini” di Grammichele. L’entusiasmo dei docenti coinvolti ha dato il via alla costituzione di un tavolo tecnico Snoezelen, a cui partecipano 18 istituzioni scolastiche.

Anche la Neuropsichiatria Infantile del territorio, nella persona della dott.ssa Ragusa, responsabile del servizio, ha collaborato per portare avanti il progetto. È stato, infatti, affiancato al gruppo di docenti un operatore sanitario, il dott. Fabrizio La Rocca, il cui ruolo è dare all’iniziativa una valenza scientifica. Il quadro, ad oggi, si completa con il lancio di una proposta nazionale che raccolga le scuole italiane aderenti al pensiero Snoezelen intorno ad un approccio avvolgente e non dirigistico, il cui obiettivo è la costruzione di relazioni autentiche con sé stessi e con gli altri.

 

Un progetto divenuto grande, ma inizialmente nato per rispondere ai reali bisogni di Antonio, un alunno con disabilità intellettiva gravissima: una “formica che smuove le montagne”.

Giusi Sestina

 Clicca sul seguente link per la Locadina  

https://www.orizzontescuola.it/wp-content/uploads/2021/04/Locadina-Snoezelen-6.pdf